Le inciuciate

“Ma voi perché vi vestite così?” dice una delle bambine del campo estivo, che ritroviamo affacciata alla finestra di casa sua al nostro rientro dall’uscita con gli altri bambini.

“Così come?” diciamo noi. “Strano, vi vestite in modo strano, vi inciuciate” risponde lei e poi esce di casa per mostraci il suo stile, aggiungendo decisa “è così che vi dovete vestire”.

Sì lei continua a vederci come persone strane, diverse, straniere. Questo lo avevamo capito da tempo, ma oggi è un giorno diverso. Oggi vuole sapere qualcosa di noi. Oggi ci fa delle domande sulle nostre vite. Suggerisce a una di noi di fare un figlio. Decide di mostrarci delle foto del suo ragazzo. Infine ci regala tre piccoli adesivi. Tre animaletti. Uno per ognuna di noi. A me capita il coniglietto.

Eh sì, è stata una giornata faticosa, faticosa come molte altre. Ma mentre torno a casa penso che la fatica non è nulla se basta così poco per tornare a casa con un sorriso.

Immagine

Advertisements

About Le Linguacciute

Ho deciso di prendere la parola, appiccicandomi addosso l’etichetta di “linguacciuta”. Un termine che indica l’essere pettegola o l’eccessivamente loquace, tradizionalmente e storicamente utilizzato per stigmatizzare un comportamento considerato, a torto, tipicamente femminile. Intendo farlo mio smontandolo, decostruendolo e frantumandolo in piccole, anzi piccolissime schegge di storie e narrazioni.
This entry was posted in infanzia, punti di vista and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s